Il Segretario del PD è Matteo Renzi

A Vignate 153 elettori su 199 hanno votato Matteo.

Matteo Renzi è il nuovo segretario del PD nazionale. Questo è il risultato delle primarie del 30 aprile dove l’ex Presidente del Consiglio vince con largo vantaggio (oltre il 70%) sugli altri due candidati: Andrea Orlando e Michele Emiliano.

Come nel resto d’Italia, anche a Vignate, stravince Renzi. Precisiamo anche che qui nella zona  Adda-Martesana la scelta dei candidati era limitata ad Andrea ORLANDO e Matteo RENZI. Escluso per mancanza delle firme necessarie Michele EMILIANO.

L’affluenza locale è stata buona e ha registrato 199 votanti. Dopo l’operazione di scrutinio i risultati finali e definitivi sono i seguenti:

RENZI                      153
ORLANDO                 45
BIANCHE/NULLE        1

Referendum: un sì per cambiare l’Italia

E’ partita la campagna referendaria promossa dal Partito Democratico per cambiare e semplificare l’Italia.

Basta un sì per eliminare il ping pong infinito delle leggi tra Camera e Senato. Solo la Camera vota la fiducia e ha l’ultima parola sul bilancio. Tempi certi per approvare le leggi. E meno decreti legge”

Basta un sì per cancellare poltrone e stipendi. Per l’esattezza si taglieranno 315 stipendi. Saranno 100 i senatori che rimarranno come espressione dei territori, senza alcuna indennità. Si abolirà il CNEL e si cancelleranno le Province dalla Costituzione.

Basta un sì per garantire stabilità e partecipazione. Si abbassa il quorum per i referendum, si garantisce al Governo più stabilità e alle opposizioni poteri di controllo. Si assicurano ai cittadini tempi certi per esaminare le leggi di iniziativa popolare.

Basta un sì per togliere poteri alle Regioni inefficienti. Si chiariscono le competenze dello Stato centrale e quelle delle Regioni. Tornano allo Stato energia, infrastrutture, promozione turistica. Si riducono gli stipendi dei Consiglieri regionali e si eliminano i trasferimenti ai gruppi regionali. Per ulteriori info visita il sito www.bastaunsi.it altrimenti contattaci qui

Banchetto del 16 ottobre 2016 con L’On. Simona Malpezzi
basta un sì

TERREMOTO: un aiuto subito

Mancano torce, batterie e giocattoli.

La situazione nel Centro Italia è drammatica. Con tutti i mezzi il paese si sta attivando per la raccolta fondi destinata alle vittime del sisma che ha colpito la zona di Amatrice, Campotosto, Capitignano e Montereale, durante la notte del 24 agosto. Ma le scosse non sono finite.

Anche questa mattina alle 6:28 la terra ha tremato di nuovo e con una scossa di magnitudo 4.2 ha devastato ulteriormente le zone già colpite.

Le vittime certe, a oggi sono 279 e altrettante 238 sono state estratte vive dalle macerie.

Per chi volesse contribuire, sono stati attivati diversi numeri di solidarietà dalla protezione civile, agli operatori telefonici, alla CRI. Dai campi di raccolta e di smistamento fanno sapere che oltre alle donazioni di natura economica, servono torce, batterie, catini per il bucato e giocattoli per i più piccoli. A oggi si contano circa 2500 sfollati (n. provvisorio).

Siamo vicini a tutte le persone che hanno perso i propri cari e a coloro che sono rimasti fortemente colpiti da questo terribile evento naturale.

Grazie a tutti coloro che aiuteranno a ricostruire l’Italia.

da Corriere della Sera:

Come effettuare i versamenti

E’ possibile effettuare versamenti con bonifico bancario sul conto corrente 1000/145551 aperto appositamente presso Banca Prossima. I bonifici vanno intestati «Un aiuto subito – Terremoto Centro Italia 6.0».
L’Iban da utilizzare per le donazioni dall’Italia è il seguente: IT17 E033 5901 6001 0000 0145 551. E’ stato inoltre creato un codice «grande beneficiario» che permette di semplificare l’operazione: inserendo l’importo nell’apposito campo e le cifre 9707 nel campo beneficiario tutti gli altri dati verranno compilati in automatico.
Per le donazioni dall’estero l’Iban è invece: IT17 E033 5901 6001 0000 0145 551 BIC BCITITMX.
I lettori e telespettatori saranno costantemente aggiornati sulla raccolta e sulla destinazione dei fondi.

Il numero solidale 45500

E’ stata nel frattempo avviata anche una raccolta fondi tramite sms: tutti i principali operatori telefonici di rete fissa e mobile hanno aderito all’iniziativa del Dipartimento della Protezione Civile del «numero solidale emergenza sisma» 45500: chiamando questo numero o inviando un sms è possibile donare 2 euro, che saranno scalati dal proprio credito o addebitati in bolletta. La telefonata non ha costi aggiuntivi e l’intera somma verrà devoluta alla raccolta fondi nazionale.

Grazie